Invia un messaggio al +39 3490893495 con età, zona e descrizione, ti invieremo alcuni profili più adatti a te della tua zona.

Torna indietro
Carlo Carcano
carlo carcano

Carlo Carcano, l’allenatore dei record dimenticato perché gay

Esonerato dalla Juventus sul punto di vincere il quinto scudetto consecutivo. I pettegolezzi a Torino. Quella giacca di daino regalata da un calciatore. La storia.

Quattro scudetti e mezzo e una giacca di daino hanno fatto la storia, nel bene e nel male, di uno dei più importanti allenatori di calcio nella storia d’Italia. Vittima di pettegolezzi e di una mentalità fascista escludente, ma anche di un oblio legato a una mentalità retrograda, Carlo Carcano ha dovuto lasciare la Juventus poco prima della vittoria del quinto scudetto. La motivazione: la sua presunta omosessualità.

È la storia di una giacca di daino a rendere la vita di Carlo Carcano impossibile. Tra voci di spogliatoio ed eleganza si dipanano le vicende della condanna di un intero ambiente. La volontà di esonerarlo e di non ricordarlo va avanti fino al 2014, quando viene inserirlo nella Hall Of Fame del Calcio Italiano. Una condanna che lascia impietriti, pensando alle parole che lo stesso Carcano pronunciava a quei pochi che lo cercavano:

Dimenticatemi, sarà meglio per tutti

Carlo Carcano e il calcio

Carlo “Carlìn” Carcano è una promessa del calcio. Nasce nel 1891 vicino Varese, si appassiona presto al gioco insegnato dagli inglesi al porto di Genova ed entra giovanissimo nell’Alessandria, a centrocampo. È proprio qui che inizia la sua carriera da allenatore, quando non solo si troverà a guidare la squadra di cui aveva portato la maglia, ma anche la Nazionale Italiana, seppure per sei sole partite.

Nel 1930 lo nota il presidente della Juventus, Edoardo Agnelli, già vicepresidente della Fiat. È il momento d’oro di Carlo Carcano, che sul giornale “Lo Sport Fascista” viene definito come “l’esempio italiano per l’organizzazione e l’insegnamento del gioco”. Il primo e l’unico, fino al superamento di Massimiliano Allegri, ad aver vinto quattro scudetti di fila con la propria squadra.

Al tempo Carcano è considerato il miglior allenatore italiano, tanto da essere chiamato per affiancare il tecnico della Nazionale, Vittorio Pozzo, con il quale crea il Metodo, un sistema di gioco vincente. Tra gli azzurri sono ben nove i giocatori che indossano la maglia bianconera ed è qui che la storia di Carlin ha una svolta. Alla vigilia di una partita Italia-Spagna ai mondiali del 1934 Carcano indica come giocatore Mario Varglien, nella rosa juventina, ma Vittorio Pozzo risponde di voler far giocare un altro nome. Carcano acconsente e Varglien sembra non prenderla bene. Ma è un regalo a rendere la vita di Carcano impossibile.

La giacca di daino

Qualche tempo dopo, durante una trasferta a Genova, ai giocatori della Juventus viene fatto un regalo: un pacchetto di canditi, un gran regalo per l’epoca. Varglien non li riceve, è infortunato e non si trova in Liguria. Carlin decide di far recapitare anche al suo giocatore, rimasto a Torino, la stessa scatola di canditi che il club bianconero aveva donato ai giocatori. Varglien apprezza il gesto e la generosità del suo allenatore, che non si è dimenticato della sua condizione, per questo decide di omaggiarlo con un regalo specifico: una giacca di daino.

Quella giacca di daino è di grande valore, non solo perché di moda. È un regalo del cognato, che lavora sulle navi che da Genova fanno avanti e indietro con l’America. È stata acquistata a New York. Un regalo immenso, per il 1934. Carcano riceve la giacca, è un gesto che lo emoziona, per questo la indossa sempre e la porta ovunque. Per qualcuno, però, quell’eleganza e alcune voci di corridoio sono un problema. Carcano non è più l’uomo del momento. Va esonerato, subito.

 

Felice Borel e Carlo Carcano
Felice Borel e Carlo Carcano – foto da Il Nobile Calcio

Tra i pettegolezzi e il fascismo

Quell’uomo elegante e raffinato, che indossa sempre quella giacca di daino, non piace più ai dirigenti della squadra. Non importa quanto sia stato capace di portare la Juventus ai livelli più alti del campionato, non importa quanto sia stato capace di aiutare Pozzo con la Nazionale. Nei salotti torinesi sono in tanti a parlare e sparlare.

Ci sarebbero alcuni componenti della squadra nelle grazie di Carlin per un motivo specifico: la loro vicinanza troppo intima con il tecnico. Si tratta di Luis Monti (originario argentino, che aveva disputato la finale dei mondiali del 1930 con la nazionale sudamericana) e di Felice Borel (detto “Farfallino” per il movimento di braccia e mani quando corre sul campo, campione assoluto con il record di 29 reti in 28 partite).

Parole al vento o verità, i salotti torinesi sono frequentati dal vicepresidente della Juventus, il barone Mazzonis, che non tollera più la presenza di un uomo 43enne non sposato e tanto chiacchierato come “invertito”.

Per fortuna la juventus si è dimostrata una squadra innovativa e quest’anno ha preso questa onoreficenza.

Potrebbe interessarti anche...

Italia opposto dell’Irlanda
Italia opposto dell’Irlanda. L’Italia vince il 25° posto su 27 sui diritti in Europa. Il report riguardo i voti singoli all’Europarlamento fanno rabbrividire. In coda, dopo il nostro paese, si trovano solamente Ungheria e Polonia. Il report Il report redatto da Forbidden Colours nel documento QueerYourEu Research Report mostra come le politiche a livello europeo […]
Leggi di più
LGBTQ: cinque date cruciali
LGBTQ: cinque date cruciali. La storia della comunità LGBT hanno radici molto lontane, dal VI secolo Avanti Cristo agli anni ’50 ecco cinque tappe importanti per l’affermazione della comunità omosessuale. LGBTQ: cinque date cruciali Saffo – VI Secolo a.C. Saffo, poetessa greca, nata nel 630 a.C e morta nel 570 a.C. Da Saffo derivano i […]
Leggi di più
Dignitas infinita: emarginata la comunità LGBTQ
Dignitas infinita: emarginata la comunità LGBTQ. Il Dicastero della Dottrina della Fede ha emanato il documento “Dignitas infinita circa la dignità umana” l’8 aprile. A cura del prefetto Manuel Fernandez e firmato da Papa Francesco. Lo scritto manifesta l’animo conservatore della Chiesa riguardo i diritti dell’individuo e un animo più progressista su temi di comodo […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te