Inserisci il tuo annuncio gratis! Compila i campi richiesti e l’annuncio verrà revisionato dallo staff. → Crea Annuncio

Torna indietro
Corona e l’outing ai calciatori gay
corona

Corona e l’outing da serie A

Sui calciatori gay Fabrizio Corona sta facendo sciacallaggio, abusando della situazione in cui si trovano i giocatori omosessuali e sta mescolando la questione dell’outing e del coming out alla vicenda del calcio scommesse. È la critica senza mezzi termini formulata in una durissima nota da Rosario Coco dell’associazione LGBTIQ+ Gaynet.

Mescolare l’omosessualità con il calcio scommesse, minacciare di outing i calciatori per tenerli sotto scacco, pretendere di spiegare perché nel calcio non si fa coming out: quello di Corona è uno squallido sciacallaggio che ostacola il lavoro di associazioni e mondo sportivo sui temi dei diritti umani e dell’inclusione” spiega Coco, Presidente di Gaynet, in una nota “Le minacce e le forzature di Corona sono una violenza verso la libertà individuale, generano paura e rischiano di farci fare passi indietro

Fabrizio Corona la scorsa primavera si era già resto protagonista di un outing sbandierato ai danni di un calciatore di fama mondiale, il quale non aveva mai confermato, né smentito. Ieri l’ex paparazzo, al centro della cronaca soprattutto per la questione dello scandalo del calcio scommesse che sta travolgendo la Serie A italiana, ha brandito anche la minaccia di vuotare il sacco sui moltissimi calciatori gay di serie A che, a detta di Corona, sarebbero sotto lo scacco delle società calcistiche. Una denuncia aspramente criticat dal vicecapogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera Alfredo Antoniozzi sulle pagine del Secolo d’Italia, il quale ha invocato una pena esemplare per l’ex paparazzo.

Calcio LGBT

A discredito della tesi di Corona, va ricordato che soltanto pochi mesi fa c’è stato il primo coming out di sempre da parte di un calciatore di serie A. Jakub Jankto, oggi al Cagliari, ha rivelato la propria omosessualità. Ed è stato lo stesso Jankto, va sottolineato, a insinuare – con gentilezza – la presenza di altri calciatori (“non faccio nomi” ha detto Jankto) gay che il giorno del suo coming out gli hanno mandato messaggi di supporto.

Secondo Coco di Gaynet non abbiamo bisogno di Corona per ricordarci dell’omofobia nel calcio. La ricerca di Outsport spiega che il calcio è lo sport più abbandonato in Italia per ragioni legate a orientamento affettivo e identità di genere.

Dopo il calcio, seguono boxe, danza, rugby e basket.

In Italia nello sport il 41% delle persone LGBTQI+ su 2 non fa coming out, mentre in Europa il dato scende al 30%.

corona

corona

La campagna contro l’omofobia nel calcio di Arcigay e Gaynet.

“Il coming out è una fatto positivo per il benessere delle persone a condizione che sia libero e spontaneo”.

È necessario creare le condizioni affinché lo sport sia pronto ad accogliere tutte e tutti.

La prima iniziativa mostra coppie di calciatori e calciatrici che baciano un pallone. Il calcio e lo sport si possono cambiare solo attraverso immagini positive e promuovendo modelli di formazione ed empowerment LGBTQI+ e di genere.

Potrebbe interessarti anche...

Giornata internazionale contro l’omofobia
Giornata internazionale contro l’omofobia: 17 maggio Il 17 maggio del 1990 segna un fondamentale spartiacque nella storia dei diritti LGBTQ+. Quel giorno, con la rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, si compie un atto di enorme importanza. Questo gesto non è solo un riconoscimento della natura non patologica […]
Leggi di più
LGBTQIA+: L’evoluzione dei diritti nel tempo
Dalla lotta all’orgoglio: l’evoluzione dei diritti LGBTQIA+ nel corso della storia Negli ultimi decenni, la lotta per i diritti LGBTQIA+ ha segnato importanti traguardi, ma le sfide rimangono ancora oggi. Questo articolo esplorerà l’evoluzione dei diritti delle persone LGBTQIA+ nel corso della storia, evidenziando le vittorie significative ottenute e le sfide ancora presenti che richiedono […]
Leggi di più
Laguna Pride 2024
Laguna Pride 2024: Venezia pronta a tingersi di colori e rivendicare diritti Venezia si prepara ad accogliere nuovamente il Laguna Pride, un evento che si distingue per il suo messaggio dirompente e la sua carica di attivismo. L’edizione 2024, in programma per domenica 9 giugno, si preannuncia come un momento di grande visibilità e di […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te