Invia un messaggio al +39 3490893495 con età, zona e descrizione, ti invieremo alcuni profili più adatti a te della tua zona.

Torna indietro
Libano e Kuwait vieteranno Barbie perché?
kuwait e libano

Libano e Kuwait vieteranno Barbie perché “promuove l’omosessualità”, la Russia proietta illegalmente

Nonostante l’enorme successo riscosso al box office, Barbie continua a far discutere. Il film di Greta Gerwig, con Margot Robbie e Ryan Gosling protagonisti, sarà bandito in Libano e Kuwait. I due paesi del Medio Oriente si aggiungono a Vietnam e Russia, dove già la storia non viene proiettata nelle sale. Tuttavia, nello stato controllato da Vladimir Putin è comunque scoppiata la “Barbie Mania”.

Perché Barbie sarà vietato in Libano e Kuwait

Nei due paesi del Medio Oriente sarà presto vietata la proiezione di Barbie. A deciderlo, per quanto riguarda il Libano, è stato il ministro della cultura Mohammad Mortada, ritenendo che il film “promuova l’omosessualità e la trasformazione sessuale”.

Per Mortada la storia del film “offende i valori morali e religiosi” del Paese, oltre a “ridicolizzare il ruolo delle madri”.

Sulla scia del Libano si aggiunge il Kuwait. Anche il ministro dell’Interno Bassam Mawlawi ha infatti chiesto al comitato di censura della sicurezza generale, tradizionalmente responsabile di questo tipo di decisioni, di rivedere il film e dare le opportune raccomandazioni. A riferirlo è l’agenzia internazionale Reuters.

Il film di Greta Gerwig proiettato illegalmente in Russia

In Russia la questione è diversa: Barbie non è mai stato proiettato nelle sale dal momento che Hollywood ha abbandonato il mercato russo a causa della guerra in Ucraina. Tuttavia, questo non avrebbe impedito di far scoppiare nel Paese una vera e propria “Barbie Mania”. Non solo una ricerca di rosa e glitter, ma anche di strategie alternative per riuscire comunque a vedere il film. Stando a quanto ha riferito il Moscow Times, alcuni cinema hanno infatti iniziato a proiettare una versione piratata (quindi illegale) della pellicola ispirata alla famosa bambola Mattel. In particolare, l’emittente russa RTVI ha fatto sapere che una copia del film è stata fatto vedere in un teatro a Tyumen, una città della Siberia.

 

Potrebbe interessarti anche...

Italia opposto dell’Irlanda
Italia opposto dell’Irlanda. L’Italia vince il 25° posto su 27 sui diritti in Europa. Il report riguardo i voti singoli all’Europarlamento fanno rabbrividire. In coda, dopo il nostro paese, si trovano solamente Ungheria e Polonia. Il report Il report redatto da Forbidden Colours nel documento QueerYourEu Research Report mostra come le politiche a livello europeo […]
Leggi di più
LGBTQ: cinque date cruciali
LGBTQ: cinque date cruciali. La storia della comunità LGBT hanno radici molto lontane, dal VI secolo Avanti Cristo agli anni ’50 ecco cinque tappe importanti per l’affermazione della comunità omosessuale. LGBTQ: cinque date cruciali Saffo – VI Secolo a.C. Saffo, poetessa greca, nata nel 630 a.C e morta nel 570 a.C. Da Saffo derivano i […]
Leggi di più
Dignitas infinita: emarginata la comunità LGBTQ
Dignitas infinita: emarginata la comunità LGBTQ. Il Dicastero della Dottrina della Fede ha emanato il documento “Dignitas infinita circa la dignità umana” l’8 aprile. A cura del prefetto Manuel Fernandez e firmato da Papa Francesco. Lo scritto manifesta l’animo conservatore della Chiesa riguardo i diritti dell’individuo e un animo più progressista su temi di comodo […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te