Inserisci il tuo annuncio gratis! Compila i campi richiesti e l’annuncio verrà revisionato dallo staff. → Crea Annuncio

Milano

Milano 2023

Il Comune di Milano potrà riprendere la trascrizione degli atti di nascita di minori nati all’estero con due papà.

Anche se con la sola indicazione del genitore biologico”. Lo annuncia il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in un video postato sui social.

“Questo passo avanti rispetto al quadro degli scorsi mesi è l’effetto di una risposta a un quesito che avevamo posto noi come Comune di Milano al ministero dell’Interno (spiega sala) a seguito dello stop di inizio anno ai riconoscimenti e alle trascrizioni degli atti di nascita dei bambini e delle bambine delle coppie omogenitoriali”.

Anagrafe e atti di nascita

Spiega il sindaco, “chiedevamo al governo di poter trascrivere in anagrafe gli atti di nascita dei bambini con due papà, con riferimento quantomeno al genitore biologico.

Questo per evitare che il minore si trovasse in Italia, nella nostra città, senza alcun atto che certificasse il legame con la sua famiglia, con le innumerevoli difficoltà connesse”.

La risposta del ministero, sottolinea Sala, “è stata favorevole quindi vuol dire che le coppie di papà potranno fare un passaggio in tribunale in meno e avere una certezza in più“.

Nel video postato dal sindaco, Gaia Romani, assessore ai Servizi civici e generali, spiega inoltre che nei prossimi giorni verrà riattivata la procedura per le famiglie di papà che necessitano la trascrizione dell’atto nascita del proprio bambino o della propria bambina “e ricontatteremo poi personalmente le famiglie che non si erano potute vedere riconosciute neanche questo piccolo passo e che sono nel libro tra mille difficoltà e preoccupazioni”.

Una buona notizia

Per Sala si tratta di “una buona notizia, seppur tutti i problemi denunciati in questi mesi permangono, primo tra tutti nessun diritto e dovere per il nostro ordinamento italiano in capo al secondo genitore, così come accade per coppie di madri che partoriscono in Italia”.

Il comune può valutare, ai fini della trascrizione degli atti del bimbo nato all’estero, anche i cosiddetti ‘atti ulteriori’ che provano chi sia il padre biologico e il percorso che la famiglia ha intrapreso.

Non era mai successo che il ministero acconsentisse che fossimo noi a poter valutare sui cosidetti atti ulteriori.

L’annuncio di oggi, conclude Sala, ci teniamo a rinnovare la nostra vicinanza alla comunità arcobaleno: siamo con voi e continueremo a lottare al vostro fianco, sempre”.

Potrebbe interessarti anche...

Giornata internazionale contro l’omofobia
Giornata internazionale contro l’omofobia: 17 maggio Il 17 maggio del 1990 segna un fondamentale spartiacque nella storia dei diritti LGBTQ+. Quel giorno, con la rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, si compie un atto di enorme importanza. Questo gesto non è solo un riconoscimento della natura non patologica […]
Leggi di più
LGBTQIA+: L’evoluzione dei diritti nel tempo
Dalla lotta all’orgoglio: l’evoluzione dei diritti LGBTQIA+ nel corso della storia Negli ultimi decenni, la lotta per i diritti LGBTQIA+ ha segnato importanti traguardi, ma le sfide rimangono ancora oggi. Questo articolo esplorerà l’evoluzione dei diritti delle persone LGBTQIA+ nel corso della storia, evidenziando le vittorie significative ottenute e le sfide ancora presenti che richiedono […]
Leggi di più
Laguna Pride 2024
Laguna Pride 2024: Venezia pronta a tingersi di colori e rivendicare diritti Venezia si prepara ad accogliere nuovamente il Laguna Pride, un evento che si distingue per il suo messaggio dirompente e la sua carica di attivismo. L’edizione 2024, in programma per domenica 9 giugno, si preannuncia come un momento di grande visibilità e di […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te