Inserisci il tuo annuncio gratis! Compila i campi richiesti e l’annuncio verrà revisionato dallo staff. → Crea Annuncio

Torna indietro
Texas, la legge contro le drag queen è incostituzionale
Texas

Texas, la legge contro le drag queen è incostituzionale

Dopo Tennessee, Florida e Montana, anche un giudice del Texas ha bloccato la legge contro le drag queen. “Vìola il 1° emendamento”.

Pochi mesi fa il Texas ha approvato una legge per colpire lə artistə drag e le persone trans, limitando la loro libertà.

Il Texas è stato solo uno dei tanti Stati d’America che negli ultimi 18 mesi hanno preso di mira la comunità LGBTQIA+, presentando leggi censoree e dichiaratamente omobotransfobiche, andando a colpire soprattutto persone transgender e artiste drag.

Ebbene la tanto contestata nuova legge texana che limita gli show drag in pubblico è stata dichiarata incostituzionale da un giudice federale. Il giudice distrettuale David Hittner ha ricordato a tutti l’esistenza del primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che garantisce la terzietà della legge rispetto al culto della religione e il suo libero esercizio, nonché la libertà di parola e di stampa, il diritto di riunirsi pacificamente.

Hittner ha stabilito che la legge approvata in Texas è discriminatoria e impropriamente vaga, violando

“in modo inammissibile il Primo Emendamento, limitando la libertà di parola”.

La legge, che il governatore repubblicano Greg Abbott ha firmato lo scorso giugno, ha ampliato la legge statale esistente che vieta ai bambini di assistere a spettacoli sessualmente espliciti. Sebbene l’SB 12 non citasse espressamente gli show drag e gli artisti drag, era talmente e volutamente vaga da poter colpire anche gli spettacoli drag.

Il giudice Hittner ha continuato:

“Non è irragionevole dedurre dalla legge SB 12 che attività come cheerleader, balli, teatro dal vivo e altri eventi pubblici comuni potrebbero diventare una violazione civile o penale”.

Hittner aveva già bloccato

Hittner aveva già precedentemente bloccato l’entrata in vigore della legge il 1° settembre scorso, ma solo temporaneamente. Ora è arrivato lo stop definitivo.

Il Texas, come detto, non è stato il solo Stato a voler vietare gli spettacoli drag. Nell’ultimo anno più di una dozzina di Stati hanno cercato di limitarli. Il primo a riuscirci è stato il Tennessee, seguito da Montana, Alabama e per l’appunto Texas. Una vera e propria crociata repubblicana contro le persone LGBTQIA+. Ma altri giudici federali, anche in Tennessee, Florida e Montana, hanno definito incostituzionali simili leggi.

Su Twitter:

“I texani LGBTQIA+, i proprietari dei locali, gli artisti e i nostri alleati si sono tutti uniti per sostenere la libertà di espressione nel nostro Stato e abbiamo vinto”.

La presidente e CEO di GLAAD Sarah Kate Ellis ha dichiarato:

“Applaudiamo e sosteniamo l’American Civil Liberties Union of Texas, Baker Botts LLP e gli artisti di tutto lo Stato nel loro duro lavoro per garantire equità e uguaglianza per tutti”.

Ricardo Martinez, CEO di Equality Texas, ha dichiarato: “Che vi piaccia o meno il drag, nessuno dovrebbe poter decidere cosa possiamo guardare o come possiamo comportarci”.

Si tratta del 2° intervento di un giudice texano contro prese di posizioni censoree all’interno dello Stato. Pochi mesi fa proprio un giudice ha ordinato che i libri LGBTQ+ incredibilmente vietati e fatti sparire fossero restituiti alle biblioteche pubbliche.

Potrebbe interessarti anche...

Giornata internazionale contro l’omofobia
Giornata internazionale contro l’omofobia: 17 maggio Il 17 maggio del 1990 segna un fondamentale spartiacque nella storia dei diritti LGBTQ+. Quel giorno, con la rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, si compie un atto di enorme importanza. Questo gesto non è solo un riconoscimento della natura non patologica […]
Leggi di più
LGBTQIA+: L’evoluzione dei diritti nel tempo
Dalla lotta all’orgoglio: l’evoluzione dei diritti LGBTQIA+ nel corso della storia Negli ultimi decenni, la lotta per i diritti LGBTQIA+ ha segnato importanti traguardi, ma le sfide rimangono ancora oggi. Questo articolo esplorerà l’evoluzione dei diritti delle persone LGBTQIA+ nel corso della storia, evidenziando le vittorie significative ottenute e le sfide ancora presenti che richiedono […]
Leggi di più
Laguna Pride 2024
Laguna Pride 2024: Venezia pronta a tingersi di colori e rivendicare diritti Venezia si prepara ad accogliere nuovamente il Laguna Pride, un evento che si distingue per il suo messaggio dirompente e la sua carica di attivismo. L’edizione 2024, in programma per domenica 9 giugno, si preannuncia come un momento di grande visibilità e di […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te