Inserisci il tuo annuncio gratis! Compila i campi richiesti e l’annuncio verrà revisionato dallo staff. → Crea Annuncio

gardaland

«Principessa»

Questo è il termine, non il solo, con cui un manager di un locale all’interno del parco di Gardaland indicava un collega di lavoro gay.

Lo faceva davanti ai clienti e agli altri lavoratori e per questo è stato licenziato.

Ora, lo riporta l’edizione veneta del Corriere della Sera, ìil Tribunale civile di Verona, ha rigettato il ricorso dell’uomo contro la rescissione del contratto per giusta causa.

Questo il racconto del cassiere 37enne riportato dal quotidiano: «Io ero alla cassa, era inizio servizio, la gente stava entrando in quel momento. Mentre stavo alla cassa, arriva “E”.

Il quale mi portava gli scontrini con i soldi, io dovevo dare il resto delle bevande extra e mi dice allungandomi uno scontrino coi soldi “tieni principessa”…Io mi giro di istinto a guardarlo e vedo che c’è il manager che guardando “E”.

Muove le mani in modo femminile per prendermi in giro, facendo una risatina e ripetendo la parola “principessa” per poi girarsi verso di me dicendomi “vai avanti a fare il tuo lavoro, muoviti”. Tutto questo davanti ai clienti che stavano entrando e che avevano assistito alla scena».

Cos’è successo per i due dipendenti bulli ?

Alla fine del turno è andato a informare il superiore ed è stato spostato in un altro ristorante.

La direzione di Gardaland ha subito preso provvedimenti per reprimere «tali gravi e intollerabili comportamenti discriminatori». Il cameriere “E”, è stato sospeso e poi se ne è andato volontariamente.

Il manager è stato licenziato in tronco anche per aver infranto il codice comportamentale del Parco, non solo nel caso delle parole offensive nei confronti del collega.

Nel provvedimento di rescissione del contratto Gardaland parla di «inammissibili atti di derisione», «non rispettandone la dignità e la condizione sessuale, in spregio dei principi di uguaglianza, diversità e trattamento imparziale abbracciati da questa Società».

Il tribunale

Ora il tribunale non ha solo rigettato il ricorso del manager che ha portato «un’offesa alla dignità personale e all’orientamento sessuale», ma ha anche condannato il cameriere E. a due anni di reclusione con la condizionale per falsa testimonianza. Aveva negato di aver sentito il termine «principessa». Gli altri dipendenti chiamati a testimoniare hanno invece confermato quanto accaduto ricordando gli atteggiamenti e i gesti denigratori nei confronti del cassiere 37enne.

Potrebbe interessarti anche...

Giornata internazionale contro l’omofobia
Giornata internazionale contro l’omofobia: 17 maggio Il 17 maggio del 1990 segna un fondamentale spartiacque nella storia dei diritti LGBTQ+. Quel giorno, con la rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, si compie un atto di enorme importanza. Questo gesto non è solo un riconoscimento della natura non patologica […]
Leggi di più
LGBTQIA+: L’evoluzione dei diritti nel tempo
Dalla lotta all’orgoglio: l’evoluzione dei diritti LGBTQIA+ nel corso della storia Negli ultimi decenni, la lotta per i diritti LGBTQIA+ ha segnato importanti traguardi, ma le sfide rimangono ancora oggi. Questo articolo esplorerà l’evoluzione dei diritti delle persone LGBTQIA+ nel corso della storia, evidenziando le vittorie significative ottenute e le sfide ancora presenti che richiedono […]
Leggi di più
Laguna Pride 2024
Laguna Pride 2024: Venezia pronta a tingersi di colori e rivendicare diritti Venezia si prepara ad accogliere nuovamente il Laguna Pride, un evento che si distingue per il suo messaggio dirompente e la sua carica di attivismo. L’edizione 2024, in programma per domenica 9 giugno, si preannuncia come un momento di grande visibilità e di […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te