Invia un messaggio al +39 3490893495 con età, zona e descrizione, ti invieremo alcuni profili più adatti a te della tua zona.

Torna indietro
Rainbow washing, perchè è tempo di parlarne
rainbow washing

Rainbow Washing

Dal lontano 1969, quando un gruppo di ragazzi omosessuali si scontrarono con la polizia di New York in quelli che sono comunemente noti come i moti di Stonewall, giugno è il mese del Pride Lgbtqia+ in tutto il mondo. Un momento prezioso e irrinunciabile per ricordare a se stessi e agli altri i progressi e le conquiste ottenute, ma anche per ribadire l’appartenenza ad una comunità che deve continuare a battersi ogni giorno per essere rappresentata e tutelata nel migliore dei modi. Negli anni sono sorte tante iniziative e raccolte fondi a sostegno dell’omotransfobia come il Rainbow Social Fund. Non sono mancate nemmeno collaborazioni con diversi brand a favore della comunità arcobaleno, eppure diverse aziende hanno cominciato a cavalcare le tematiche Lgbtq proponendo prodotti apparentemente gay-friendly per migliorare la propria reputazione.

Che cos’è?

Questa pratica ha un nome ben preciso: si chiama rainbow washing e consiste in un’operazione di marketing pensata per migliorare il proprio posizionamento sul mercato, pescando tra le fila di attivisti e simpatizzanti e fingendo di devolvere una parte del ricavato in beneficenza pur senza avere un reale rapporto con la comunità. È il caso di diverse aziende cinesi che nel mese di giugno promuovono slogan arcobaleno, ma senza condividere i principi di equità e inclusività, sulla falsariga di quanto già avviene in tema di sostenibilità con il greenwashing.

L’esempio più eclatante di Rainbow Washing: il caso Barilla

Il caso più eclatante di un’azienda che ha utilizzato il Rainbow Washing per ripulirsi dal suo passato è proprio la nota impresa Barilla.

L’azienda da sempre ha portato una pubblicità con uno storytelling che si concentrava sulla famiglia e sulla condivisione del cibo. Perciò chiesero al proprietario se fosse disponibile a fare una pubblicità con una famiglia gay, ma l’azienda rifiutò: “Non faremo pubblicità con omosessuali perché a noi piace la famiglia tradizionale. Se i gay non sono d’accordo, possono sempre mangiare la pasta di un’altra marca”. Questa fu la risposta di Guido Barilla nel 2013, senza riflettere sul fatto che potessero avere consumatori non d’accordo con questa sua visione.

Il fratello del proprietario chiese scusa ma ormai era troppo tardi, le parole di Guido Barilla erano ormai diventate virali.

Durante gli anni del calo di reputazione dell’azienda Barilla, le altre imprese colsero le sue debolezze creando una nuova tipologia di marketing: dalla pasta di tutti i colori alla pubblicità con coppie dello stesso sesso che condividono i pasti. A loro volta questo fenomeno fece capire all’azienda Barilla quanto fosse importante l’inclusione.

Questa, non avendo redatto un piano di crisi (Non hai ancora letto il nostro articolo sul Crisis Management?), dovette assolutamente pensare ad una strategia di recovery. La Barilla cercò di essere seria ed incisiva, promettendo di cambiare il loro modo di fare, dunque l’atteggiamento.

La strategia prevedeva l’inclusione di vario genere, iniziando dalle collaborazioni con le associazioni gay italiane e statunitensi. Nel giro di un anno, grazie al loro cambiamento attitudinario è l’azienda simbolo dell’impegno gay. Nel 2020 viene addirittura premiata a Vienna con il premio per l’inclusione della comunità LGBTQIA+.

Potrebbe interessarti anche...

Agenzia d’incontri gay
In un mondo dove la capacità di socializzare diminuisce sempre di più e dove sembrano svanite le speranze di relazioni serie e stabili, noi mettiamo al primo posto la tua felicità. Agenzia LuiLui LeiLei: una grande famiglia dove la qualità della relazione è sempre al primo posto.   Il nostro obiettivo Creare un canale sicuro […]
Leggi di più
Matrimonio omosessuale in Grecia
Il parlamento greco ha approvato la legge sul matrimonio omosessuale in Grecia e sull’adozione di minori da parte di coppie dello stesso sesso; anche se la Chiesa ortodossa era contraria. Il governo conservatore ha promosso questa misura.   Il premier Kyriakos Mitsotakis ha commentato l’approvazione del disegno di legge, definendola una pietra miliare per i […]
Leggi di più
Incontri tra gay
Le relazioni tra persone dello stesso sesso sono stati a lungo oggetto di discussione e, per molti, di discriminazione. Tuttavia, negli ultimi anni, la società ha compiuto progressi significativi nell’accettazione e nel rispetto delle relazioni LGBTQ+. Gli incontri tra gay, in particolare, riflettono questa evoluzione sociale, offrendo un contesto in cui l’amore e l’intimità possono […]
Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Siamo presenti a Padova, Venezia Mestre, Treviso, Verona San Bonifacio, Pordenone, Udine e Castelfranco!
Contatta l’agenzia vicino a te